Roma, 5 Aprile 2008 - Aggiornamento del 6 Aprile 2008 - ore 8,56 in fondo pagina al P.S.

 

Lo scrivente è Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

 

A: Comunicato ANSA

 

Oggetto: Ultime promesse elettorali del Leader del PD, Walter Veltroni.

 

In riferimento al Volantino satirico inviato all’ANSA e pubblicato recentemente nel Sito Web del Partito dal titolo: “Er Minestrone dei quaranta L……”, oggi 5 aprile 2008, durante il telegiornale delle 13,30 andato in onda su RAI UNO, il Premier del PD, Walter Veltroni, er più dei quaranta L….., promette con sorniona facilità, alle massaie italiane una assicurazione vita gratuita, a spese dello Stato, per un ammontare annuo di circa 5.000.000,00 di euro, piscquiglie e pinzillacchere, per eventuali incidenti causati nell’ambito casalingo.

La domanda sorge spontanea, il grande Lubrano permettendo: chi sarà la società assicuratrice che si prenderà carico di assicurare le casalinghe italiane contro le bruciature da ferro da stiro o per qualche frattura causata dalla caduta da una scala per sostituire dal lampadario di casa una lampadina fulminata?

Sicuramente la società assicurativa, sarà la MARIA SECURITY, ammanicata ad una delle banche ammanicate ai rispettivi partiti politici, divenuti tutti un tratto, benefattori domestici.

Concludo supponendo, che questi soldi finiranno per il 98% tutti nelle casse dei partiti politici, e il 2 % per i cerottini utili a suturare le scottature, oppure per le fratture delle casalinghe.

AH VELTRONI! A ROMA SE DICE: COME TE MOVI TE FULMINO!!!

Grazie della Sua lettera pubblicitaria elettorale.

 

Il VOSTRO AFFEZZIONATISSIMO SPUTTANETOR

 

                                                                                   Pietro Sabato

 

P.S.: ATTENZIONE BATTAGLIONE! Votare è una occasione per partecipare! Se proprio siamo schifati, usiamo le loro regole: Metodo Legale per esprimere il proprio personale  dissenso ai candidati delle prossime elezioni del 13 – 14 Aprile 2008,  ed assolvere al proprio dovere di cittadino, senza regalare voti inconsapevolmente!

Se votate scheda bianca o nulla perché non vi sentite rappresentati da nessun partito, in realtà, favorirete il partito con più voti.

Infatti, consultando i regolamenti per il calcolo del premio di maggioranza, risulta che anche i voti bianchi o nulli, entrano nel calcolo del premio di maggioranza, favorendo quindi chi ha preso più voti.

Contrariamente, esiste un’arma legale contro questa legge indecente e antidemocratica!

Di seguito i riferimenti legali. Tutto si basa su un uso puntiglioso della legge, illustro nei dettagli il sistema da usare:

Andare a Votare, presentarsi con i documenti e relativa tessera elettorale e farsi vidimare la scheda, successivamente esercitare il diritto di rifiutare la scheda, dicendo: rifiuto la scheda per protesta, e chiedo che sia verbalizzato.

Pretendere che venga verbalizzato il rifiuto della o delle schede, esercitando il proprio diritto di far mettere a verbale un commento che giustifichi il rifiuto. Ad esempio: “ Nessuno dei politici inseriti nelle liste mi rappresenta”.

Seguendo questa procedura non voterete ed eviterete che il voto nullo o bianco sia conteggiato come quota premio per il partito con più voti.

Nel  caso in cui gli scrutatori vi facessero problemi di inattuabilità della procedura, appellatevi al seguente testo di legge:

(Testo unico delle leggi Elettorali, D.P.R. 30 Marzo 1957, n. 361- art. 104. Par. 55) Il segretario dell’ufficio elettorale che rifiuta di allegare nel processo verbale le proteste o reclami degli elettori, è punito con la reclusione da sei mesi a tre anni e con la multa sino a Lire 4.000.000 , pari a 2000,00 Euro di oggi.

Per gli interessati, di seguito elenco un esempio di verbale da presentare al proprio seggio elettorale di appartenenza.

Attenzione! Ricordate di presentare prima i documenti e la tessera elettorale e farsi vidimare la scheda e  dopo chiedete l’annullamento del voto allo scrutatore che allegando il verbale alle Vostre schede o alla scheda, annullerà totalmente il vostro voto.

 

                                                                                    Pietro Sabato

 

Roma 13 Aprile 2008

Oggetto: Fac Simile

Verbale di annullamento totale del Voto del cittadino, (annullando con questa prassi il regolamento per il calcolo del premio di maggioranza) che dichiara di non essere rappresentato da nessun politico presente nelle liste elettorali, secondo il testo unico delle leggi elettorali, D.P.R. 30 Marzo 1957, N.361- Art. 104- Par. 55.

 

Io Sottoscritto …………………Presidente del Seggio elettorale di via Rocca Imperiale N. 39 Sezione 1167, accolgo la richiesta in oggetto descritta ed inserirla nel processo verbale dell’elettore Pietro Sabato, Tessera Elettorale N.033535736, nato a Putignano (Bari) 11 Aprile 1942 e residente a Roma, Via Cropani, 49.

Documento di Riconoscimento: Carta D’Identità N.00000000.

 

                                                  Il Presidente del Seggio Elettorale