Roma, 7  Dicembre 2008

 

Da: Lo scrivente è Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A : ANSA

 

Oggetto: . Il buon giorno si vede dal mattino! La vincitrice dell’Isola dei Famosi, Vladimir Luxuria, non risponde e non si esprime, all’invito del sottoscritto, del 2 Dicembre scorso, per la nomina alla Segreteria Generale del Partito Italiano Nuova Generazione.

Il buon giorno si vede dal mattino!

 

Il sottoscritto rivolge la domanda al Signor Gelsomino, vice Presidente del Partito Italiano Nuova Generazione: La Signora Vladimir Luxuria ha risposto alla nostra richiesta di nomina in oggetto?

Nooo! Signor Presidente, la Signora Vladimir Luxuria non ha accettato l’invito e non è qui con noi, ma contro di noi. Appena tornata dall’isola, ha preferito trasferirsi nella savana, dai suoi colleghi Dinosauri.

Infatti Giovedì 27 Novembre 2008 la Signora Vladimir Luxuria, ritorna sui banchi della Politica, in prima fila e in prima serata, nella trasmissione “Anno Zero” condotta dal vecchio dinosauro, Dott. Santoro. Il richiamo della foresta dei compagni dinosauri è stato troppo forte per Lei. Quindi tale schieramento, si rivela un ennesimo automatico due di picche, per la nomina in oggetto.

Ella ha preferito ritornare nella selva oscura, unendosi ai suoi vecchi dinosauri e compagnucci di merenda, che si suppone abbiano ben pilotato il reality, sino alla Sua lucrosa vittoria dell’isola dei famosi. Trasformando così un reality popolare, in un ennesimo scontato accaparramento politico, a discapito di tutti gli altri partecipanti, invece in tema, in quanto costituiti da attori più o meno famosi e da comuni cittadini. Quindi ripeto, che vige il sospetto che tutto sia stato inizialmente manipolato, e dichiaro che, in ogni caso, pur se fosse vero che ha determinare la vittoria della Vladimir siano state le maggiori preferenze telefoniche, tutto ciò rimane sempre un imbroglio politico, in quanto la sfida diventa impari, quando entra in ballo un partito intero di sinistra, contro due bellissime ciapet, ornate da filo interdentale, sebbene sorga il grande dubbio, che le preferenze di queste ultime abbiano di gran lunga prevalso sulla politica. Comunque, broglio più, broglio meno, non fa più testo, siamo ormai avvezzi a queste situazioni di accaparramenti politici. Si spera che molto presto, questa secolare cuccagna finisca. E’ proprio una vergogna! Si burlano di noi tutti Italiani, sotto i nostri stessi occhi!

E’ tacito pensare, che tali sospetti sono sacrosanti, dovuti alla scarsissima trasparenza verificatasi alla fine dei lavori, per aver tenuto segreto il grafico dell’affluenza delle telefonate e relative percentuali di scarto tra le due finaliste e soprattutto dalla sfacciata scelta iniziale di far partecipare  ad un reality popolare, un politico affranto, per essere stato, appena trombato nelle elezioni politiche, e per alleviare questo grande dolore, dandogli in compenso un contentino, una polpetta, quella della vittoria di un reality, per giunta, non ad un politico novello, ma ad uno dei tanti conclamati dinosauri, della politica italiana.

Inesorabilmente, escono dalla porta e rientrano seduta stante dalla finestra. Sono sempre loro, gli stessi, a tenere banco.

Concludo, ricordando un episodio della mia prima infanzia, già menzionato in una altra occasione, ma non ricordo in quale circostanza, dove racconto di ricordare quando mia madre Nicoletta mi svezzò dalle sue rigogliose mammelle, ebbene la buonanima, come altre mamme di quei tempi, adottavano come soluzione al problema, cospargere i capezzoli di pepe nero. Ricordo velatamente quei momenti di intenso pianto.

Ebbene, questa è una promessa che faccio a tutti gli Italiani, cercherò con metodi più consoni ai nostri tempi, di svezzare tutti i nostri politici mammoni, da decenni allattati dalle rigogliose mammelle di mamma Stato.

Distinti Saluti

 

                                                                                                                   Pietro Sabato