Roma, 8 Febbraio 2010

 

DA:  Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A : Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano.    A mezzo ANSA

A. ANSA

 

Oggetto:

Secondo sollecito, del sottoscritto, al Presidente della Repubblica, per la richiesta risolutiva per poter vidimare 50.000 firme, per poter presentare in Parlamento la Legge di iniziativa popolare dello scrivente:  “Legge Sabato Salomonica.”

 

Per Carnevale una bici per Pietro Sabato…

 

Egregio Signor Presidente, faccio riferimento alla mia del 20 Gennaio scorso, di cui mi pregio di allegare, sono trascorsi 18 giorni e non avendo ricevuto il Suo riscontro alle mie domande, sono a proporLe una richiesta più fattibile.

Taglio corto per non farLe perdere troppo tempo:

Vista la crisi economica vigente, nel nostro Paese e nel Mondo, mi voglio rovinare,

Le chiedo invece di 10 Biciclette, una sola, ben assemblata per il sottoscritto, affinché possa pedalare lungo lo Stivale, per riuscire da solo a raccogliere le 50.000 firme necessarie e ben vidimate per la mia Proposta di legge di iniziativa popolare: Legge Sabato Salomonica, per poi accedere in Parlamento e finalmente proporre in lettura i suoi contenuti a tutti i Parlamentari e a tutti gli italiani.

Concludo, come al solito resto in attesa di un Suo riscontro, ed approfitto per salutarLa cordialmente.

                                                                                                                   Pietro Sabato

Roma, 20 Gennaio 2010

Da Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: Presidente della Repubblica, Giorgio Napolitano. R. n. 13930373909-4

A: ANSA

 

Oggetto: Domanda: Come fare per vidimare 50.000 firme per poter presentare e discutere in Parlamento la proposta di legge di iniziativa popolare: Legge Sabato Salomonica?

 

Egregio Signor Presidente, faccio riferimento alla mia allegorica e – mail del 16 Gennaio u.s., di cui le allego copia, unitamente ad altri allegati riguardanti la documentazione relativa alla proposta di Legge di iniziativa popolare, in oggetto, depositata presso la Corte Suprema di Cassazione il 14 Gennaio del 2009.

Durante questo anno, ho bussato alla porta di quasi tutti i partiti politici in auge, cioè aventi il potere politico di potermi aiutare a realizzare con dei banchetti, la raccolta di 50.000 firme ben vidimate, per poter presentare e discutere in Parlamento detta proposta di legge in oggetto.

Purtroppo dati i contenuti di detta Legge, nessun politico, come si suol dire, è intenzionato a buttarsi la zappa sui piedi, restando dopo decenni, senza la poltrona sotto il proprio deretano.

Ora mi chiedo: se il sottoscritto, delatore della proposta di legge in oggetto ed i suoi 9 cittadini firmatari, non hanno il potere esecutivo di raccogliere e vidimare le 50.000 firme, cosa sono venuti a fare in Cassazione a presentare detta Legge?

Noi abbiamo chiesto allo Stato Italiano, cioè a noi stessi cittadini italiani, i veri protagonisti dello Stato, secondo la nostra Costituzione, il diritto sacrosanto di avere una bicicletta e Voi invece ce ne avete consegnata una, senza pedali, senza catena e senza manubrio.

Pertanto, Concludo sperando di ricevere un Suo repentino riscontro, unitamente a dieci Biciclette totalmente assemblate, che ci consentano di percorrere lo Stivale con regolare lascia passare, per la tanto agognata raccolta delle firme, per far accedere in Parlamento almeno la lettura della proposta di legge: “Legge Sabato Salomonica.”

Distinti Saluti

                                                                                                                 Il Presidente

                                                                                                                Pietro Sabato