Roma, 20 Aprile 2007

 

Lo scrivente è Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

 

Oggetto: il grande fratello sette, falsata come la scorsa edizione da una finale impari…

 

A: Spett.le Procura della Repubblica Italiana, Piazzale Clodio,12 – 00195 Roma

 

A: comunicato ANSA

 

La Legge del Menga trionfa al grande fratello 7… semo o non semo romani?

 

Lo scrivente come sua consuetudine ogni anno esprime il proprio parere  sulla finale del grande fratello e quest’anno la storia si ripete.

Come in oggetto espresso la finale di quest’anno, la settima, è la fotocopia di quella dell’anno precedente, ha vinto chi ha più soldi da investire, dove due ragazzi romani si sono contesi la finale, il primo, un dipendente dello Stato, un Pompiere, un bellissimo ragazzo, semplice a modo educato e ricco di buoni sentimenti.

Il secondo ragazzo invece, piccolo imprenditore, simpatico, rozzo sia nei movimenti che nei comportamenti verso tutti e grande calcolatore.

Facendo una piccola doxa fra i miei amici e conoscenti ho rilevato che  solo 10%  aveva votato per simpatia per quest’ultimo.

Purtroppo i risultati si sono rivelati il contrario.

Concludo, per scoraggiare queste eventuali mie cattive supposizioni e per evitare di falsare i risultati con marchingegni puerili legati a chi ha più soldi vince e tutelare soprattutto il voto telefonico dei cittadini, invito la Codacons per la prossima edizione di intervenire  creando una sorta di  commissione di 100 votanti, preferibilmente incorruttibile, il cui voto acquisito varrebbe il 60% di più del voto a casa, in questo modo si eviterebbero brogli, sconfiggendo i furbi.

 

Distinti Saluti e Un W al dott. Menga…

 

                                                                                                   Pietro Sabato