Roma, 1 Ottobre 2009

DA:  Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A : ANSA

Storia metropolitana che si trascina da tre anni e conclusasi circa 15 giorni fa, data della archiviazione del procedimento penale descritto in allegato, e da questa data ancora aspetto che il mio legale ritiri dal Tribunale il testo del decreto che giustifichi la motivazione della archiviazione. Come al solito il sottoscritto non avendo peli sulla lingua, anticipo la notizia riservandomi di pubblicare prossimamente il detto decreto. Non sono più nella pelle, ardo dalla voglia di comunicare questa nefandezza.

 

Roma, 1 Ottobre 2009 ore 16,40

Da: Pietro Sabato  - A: Avv. Filippo Forlini,

Egregio Avvocato io sono pronto per l’arrembaggio, come da accordi presi se entro oggi 1 Ottobre 2009, non avessi ricevuto il testo del decreto di archiviazione, avrei comunque pubblicato tutto a tutto il mondo. Le ho telefonato tre volte e Le ho inviato anche una E mail. Come mai non risponde? Ed ecco a voi tutti in allegato questa storia straordinaria Metropolitana.

Buon divertimento…

SCANDALO E SòLE

( Questo racconto è la parodia del film: “ Scandalo al sole”  Purtroppo non si tratta di una storia d’amore, bensì  trattasi di sòle, truffe e inganni)

 

Roma 18 Settembre 2009

Egregio Avvocato, in riferimento alla archiviazione del mio procedimento penale in allegato, a Lei affidato in mia difesa, debbo rilevare che sembra strano che nel documento di archiviazione non sia elencata la motivazione, perché ricordo con certezza che un decennio fa quando denunciai alla Procura della Repubblica la trasmissione Scherzi a Parte di Canale 5, per vilipendio alla persona, motivati dagli scherzi troppo pesanti, invadenti e pericolosi per la salute umana, ebbene, dopo il positivo intervento della Procura, con la sospensione della trasmissione, la mia denuncia fu archiviata ed in essa era contenuta anche la motivazione. Ora mi chiedo: Sono cambiate le regole in Procura? Non basta la lentezza dei processi, ora bisognerà aspettare le calende greche per scrivere due parole? Forse converrà al sottoscritto andare a chiedere di persona alla Dottoressa Rando, perché ha archiviato il mio procedimento penale, e perché ha omesso di scrivere la motivazione?  

Risposta dell’Avv Filippo Forlini in allegato del 19/ 9/ 2009 ore 19,30 :

Egregio Sig. Sabato

non ho mai detto che l'archiviazione non e' motivata: ho solo detto che sono in attesa di leggere il testo del decreto di archiviazione di cui ho già ordinato la copia che avrò a breve.
Distinti Saluti

Avv. Filippo Forlini

Via Durazzo, 30 – 00195 Roma – Tel 06/ 3701851 Fax 06 233236898 Mobile 328.5936961

E mail : forlinik@inwind.it

Roma, 18 Settembre 2009

Da: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: Dott.ssa RANDO presso il Tribunale Penale di Roma V Piano, a mezzo ANSA

A: Ministro Di Grazia e Giustizia Angelino Alfano, a mezzo ANSA

A: On. Francesco Rutelli, via E Mail

C.C.: Premier Buon Silvio Berlusconi, ANSA

C.C.: Presidente della Camera dei Deputati, On. Gianfranco Fini.

Egregio Presidente, a proposito di fessi, leggendo vedrà che in circolazione sono di più dei furbi. Riferimento articolo del 9 settembre u.s. e articolo inserito nel supplemento propedeutico a pagina 204.

C.C. : Procura della Repubblica, Piazzale Clodio,12 - ROMA - ANSA - Archiviooo!

C.C.: Corte di Cassazione ROMA - a mezzo ANSA- Archiviooo!

C.C.: Parlamento Europeo Dott. Cougnon a mezzo Fax - Archiviooo!

C.C.: ANSA - Fiorello e Figliolo di Mike, che approfitto per inviare le più sentite condoglianze.

A: Avvocato Filippo Forlini a mezzo E mail – Carissimo Avvocato questa E – mail per adesso è stata inviata in esclusiva solo a Lei, appena ritirerà la sentenza della Dott.ssa Rando dall’Archivio del Tribunale, sarà inviata all’ANSA, alle Autorità ed Istituzioni in Indirizzo, a tutti i maggiori quotidiani nazionali ed esteri.

 

Primo Oggetto: Incompetenza dei nostri Giudici, con la realtà dei costi dell’edilizia italiana. Considerazione: Il Buon Silvio Berlusconi nel 2009 ha costruito villette in legno comprensive di costi del terreno, basamenti in cemento armato antisismici all’avanguardia, ed infine, consegnando gli alloggi ai terremotati d’Abruzzo, completi di arredi e vettovaglie, lenzuola pentole etc. etc etc. chiavi in mano, al costo complessivo per noi contribuenti, di Euro 2.400,00 al mq. 

A voi tutti una valutazione della storia metropolitana in allegato dal sottotitolo:

 

Sottotitolo: OK Il Prezzo è giusto? Oppure Nooo? Ambasciator non porta pena!

Seconda Considerazione: i condomini di via Cropani, per ristrutturare la pavimentazione di due terrazzini attici la cui totale superficie è di mq. 60 circa, hanno speso presentando con Ipso Facto, (avvalendosi della maggioranza, 5 contro uno, il sottoscritto) un Capitolato* di spesa di 35.000,00 Euro, di cui il sottoscritto ha dovuto pagare la sua quota, così come è accaduto a tutti gli italiani contribuenti per ristrutturare la Reggia di Caserta, quando ci è stato presentato un capitolato  di spesa di ben 700.000.000,00 di Euro, ebbene, visto che la nostra Giustizia archivia tutto, evidentemente non è in grado di fare bene i conti. Pertanto, noi ci appelleremo all’inventore del quiz:OK Il Prezzo è Giusto”, cioè alla buonanima di Mike Buongiorno, che questa notte in una seduta spiritica via cavo ha comunicato al sottoscritto quanto segue: secondo LUI,  quale sarà stato il prezzo giusto dei due esempi appena elencati? Ebbene, per quanto riguarda il primo riferito al condominio di via Cropani, ci riferisce che con gli stessi soldi: equivalenti a 35.000,00 Euro avremmo potuto acquistare una villetta in Abruzzo, come in oggetto e di seguito documentato, realizzata dal nostro amato Buon Silvio Berlusconi, invece nel secondo caso, con ben 700.000.000,00 di Euro avremmo potuto demolire di sana pianta tutta la Reggia di Caserta, e rifarne due nuove di zecca, l’una affianco all’altra, con le stesse antiche caratteristiche artistiche, inoltre con la restante cifra il Dott. Mike, così ci tramanda, avrebbe potuto ristrutturare ex novo anche il Colosseo, ai primitivi allori e fatto risuscitare Cleopatra. Grazie Mike, sei l’unico amico mio!

Ambasciator non porta pena!

 

Il Capitolato* è la stesura dettagliata dei materiali e descrizione dei lavori da eseguire, che un architetto di parte, in questo caso assunto dal condominio in oggetto, propone alle società in gara, che per legge devono gareggiare, minimo in tre e per aggiudicarsi l’appalto devono apporre a ciascuna voce proposta dall’architetto il relativo costo. Invece in questo caso è stato l’architetto che oltre a fare la stesura dei materiali ed altre voci inerenti alla ristrutturazione, ha anche stabilito i costi su ogni voce e poi a conti fatti, è stato proposto ad una sola società, che furbescamente si è aggiudicata la gara presentando un preventivo inferiore di Euro 100,00, ripeto in lettere Euro cento. Bisognerà avere i prosciutti agli occhi per non ravvisare una truffa ai danni del condominio in questione, che per giunta per questa consulenza ha dovuto pagare la bellezza di 5.000,00 Euro più IVA. Inoltre i capitolati generalmente sono richiesti esclusivamente per lavori di una certa entità, riferite a ristrutturazioni di edifici ed opere pubbliche, come la ristrutturazione della Reggia di Caserta appena menzionata. Quindi il capitolato non è previsto per definire i costi di ristrutturazione di un pavimento condominiale da quattro soldi, è sufficiente che l’amministratore proponga una gara di preventivi gratuiti fra tre società di costruzione. Ciò che in detto condominio, ripeto non è accaduto. Trattasi solo di Megalomania amministrativa ingannevole, per far lievitare i costi della ristrutturazione alle stelle, a spese del fesso sottoscritto, palesemente provato dal consenso unanime degli altri condomini. Più chiaro di così non si può spiegare l’inganno.

 

Secondo Oggetto: Caso riferito al Procedimento Penale depositato dallo scrivente presso il Tribunale di Roma, prot. N. 9/122 del 31/ 10/ 2006 –URPA 635404 – Prot. N. 48009/6 P.M. Dott. PADALINO, che ha proposto istanza di archiviazione il 28 Maggio 2007, si attende il responso definitivo del Giudice Dott.ssa RANDO, che alcuni giorni fa, il 15 Settembre c.m. (dopo tre anni) ha archiviato la pratica e si attende con ansia la motivazione giuridica, ancora non disponibile nell’archivio, che il mio Avvocato Filippo Forlini ha assunto il compito di prelevare e darmene comunicazione dei contenuti, che saranno repentinamente pubblicati.

 

Egregia Dottoressa Rando, in riferimento al procedimento penale in secondo oggetto, riferito al condominio di via Cropani, mia stessa residenza, i cui condomini unitamente all’amministratore, ovviamente escluso il sottoscritto, nel lontano anno 2004 hanno approvato ed attuato con IPSO FACTO, avvalendosi della maggioranza, il capitolato dei lavori condominiali da eseguire, presentandomi un conto complessivo di EURO 35.000,00, motivato dal solo rifacimento del pavimento di due terrazzini attici, la cui totale superficie approssimativamente non supera i 60 mq., ed altri lavori minori, quali imbiancare la volta dei quattro balconi condominiali. Ebbene Egregia Dottoressa, quindi lei non ha ravvisato nei miei confronti, alcuna truffa e neppure il reato di associazione a delinquere di stampo mafioso, composto da quattro condomini più uno = cinque, con l’amministratore, (professionista iscritto alla Associazione CONAI). Leggendo la mia esauriente documentazione Le cito alcuni elementi che spero abbia letto: ebbene, i miei condomini per risparmiare 800,00 Euro annui, per l’impresa di pulizia curvano la schiena a turno ogni settima escluso il sottoscritto, per pulire le due rampette di scale, e il primo anno l’amministratore ha presentato una spesa di Euro 500,00 per i detersivi, che invece sarebbero sufficienti per pulire le camerate di un intero reggimento, per almeno sei mesi. Attualmente sebbene questa farsa di volontariato dei miei condomini nel prodigarsi a pulire gratuitamente le scale per risparmiare, intanto la rata condominiale questo anno è lievitata intorno ai 200,00 Euro mensili, una vera ruberia, avendo come spese vive solo l’erogazione del gas nei mesi invernali, per una vecchia caldaia centralizzata  che ogni anno ci costa di manutenzione, il controvalore di una caldaia nuova di zecca, più l’assicurazione dello stabile circa 400,00 euro l’anno e la luce delle scale, lo stabile è privo di ascensore ed infine mi ero proposto amministratore a costo zero, così come prevede la legge nei piccoli condomini, invece i miei condomini essendo dei Nobili preferiscono pagare 1300,00 Euro annui all’amministratore. Quindi, evocando il film: Miseria e Nobiltà, i miei condomini, ripeto, fanno credere di far risparmiare soldini al condominio pulendo gratuitamente le scale, invece poi elargiscono accettando rate condominiali esose, sprecare detersivi e dulcis in fundo, si permettono il lusso di sperperare ben Euro 5000,00 più Iva, per l’architetto che ha stilato il Capitolato di spesa dei lavori in modo truffaldino come sopra ben descritto e suppongo Egregia Dott.ssa Rando, che la fattura di questo emerito architetto, unitamente a quella di 30.000,00 Euro dell’impresa appaltatrice che ha eseguito per giunta male i lavori, siano false, oppure la ditta sarà già fallita, e sicuramente entrambi non avranno versata l’IVA all’Erario. Inoltre, Le ricordo che stilare un capitolato è consentito nei casi di lavori di una certa entità, quali rifacimenti di grandi opere, come la Reggia di Caserta costata a noi contribuenti ben Euro 700.000.000,00 che abbiamo appena appurato il prezzo giusto con il responso mediatico via cavo della buonanima di Mike Buongiorno e prossimamente verificheremo con una petizione alla Procura, se trattasi o meno di Prezzo giusto, questa volta con un responso terreno. Quindi non è consentito stilare capitolati per lavori minori, come nel nostro caso condominiali. Quindi stiamo parlando di una spesa di Dieci Milioni delle vecchie lire, per stilare un preventivo di spesa, e la restante cifra di ben 30.000,00 Euro = la bellezza di 60.000.000 delle vecchie lire, per ristrutturare due miseri pavimenti. Totale costo dei lavori Euro 600,00 al mq. Invece la spesa reale totale dei lavori, stimata da costruttori onesti è di appena, Euro 5000,00 più IVA. Vorrei proporLe altri due paragoni: Il Primo: il sottoscritto nel 2005 per pagare gli arretrati delle rate condominiali di questa esosa spesa di ristrutturazione, dopo essere incappato nelle mani degli usurai, ho deciso di vendere la mia seconda casa di mq. 50 sita in Abruzzo in un condominio di 40 appartamenti, semi arredata, con armadio a muro, cucina ARISTON, più un box auto di mq. 20 al prezzo di mercato di Euro 56.000,00. Altro paragone, con la stessa cifra, spesa dai miei condomini, ripeto di Euro 35.000,00 avremmo potuto acquistare una villetta in legno in Abruzzo, di mq.15 con tutte le caratteristiche antisismiche ed arredi in oggetto elencate, il tutto, inconfutabilmente trasmesso dal nostro Premier Buon Silvio Berlusconi, durante la trasmissione Porta a Porta andata in onda il 14 Settembre u.s. in occasione della consegna delle prime villette ai terremotati.

Concludo, Egregia Dottoressa Rando, invitandoLa ad informarsi circa i costi reali relativi alla messa in opera di ristrutturazioni condominiali, relative spese di conduzione ed infine ravvisare, come in questo caso una plateale truffa di stampo mafioso, affinché in un prossimo futuro non possa incappare in una brutta figura di mala giustizia. Intanto io pago, dovendo dopo tre anni di attesa nel Penale, ricominciare daccapo affrontando altri anni di causa Civile, poiché il mio scopo primario è di arrivare fino in fondo per stabilire quanta lentezza e ignoranza vige nel nostro sistema Giudiziario, ovviamente trascurando e supponendo altri motivi possibili di ammanicamendoooooo Generale, alla moda e al modo della compianta commediante Signora TINA PICA, che disdegnava il male affare e gli intoccabili associati.

                                                                                                               Lo Sputtanetor

                                                                                                                       Pietro Sabato

Voce Narrante

Finalmente, oggi 2 Ottobre 2009 dopo circa 16 giorni dalla data di archiviazione del procedimento penale in oggetto,  presentato in Tribunale illo tempore, circa tre anni fa, ho il piacere di trasmetterVi in allegato il testo del decreto, appellandomi al Ministro Renato Brunetta, affinché nella nostra Giustizia cambi qualcosa, una marcia in più.

Basterebbe approvare la proposta di Legge di iniziativa popolare del sottoscritto:

“Legge Sabato Salomonica”. Depositata presso la Corte di Cassazione Il 14/01/2009.

 

Roma, 2 Ottobre 2009

Da: Pietro Sabato

A: On. Renato Brunetta a mezzo ANSA

A: ANSA

Oggetto:Procedimento Penale N.07/18193, Archiviato dal GIP Dott.ssa Adele Rando.

 

Egregio Onorevole, Le comunico che finalmente dopo circa tre anni, oggi 2 Ottobre 2009, ho finalmente ricevuto il responso riferito al Procedimento Penale depositato  illo tempore il 31 /10 2006, Prot. N. 48009/6 P.M. Andrea Padalino Morichini, con richiesta di archiviazione del 28/ 5/ 2007, in visione del GIP Dott.ssa Adele Rando, che dopo due anni, con il protocollo penale N. 07/18193 non ha fatto altro che assecondare ed archiviare quanto è stato dichiarato dal Suo Collega, senza aggiungere una sola parola, di seguito i contenuti del Dott. Padalino:

E’ stato ritenuto che la genericità dei fatti lamentati nell’atto di querela e quanto risulta dalla documentazione allegata alla medesima, della quale si evince una situazione di conflittualità fra il querelante e le persone denunciate all’interno del condominio, da loro abitato, in atto da molto tempo e per aspetti sicuramente privi di rilievo penale, induce a concludere che anche la vicenda riportata nella querela prodotta, presenti risvolti apprezzabili, al più, su un piano di meramente civilistico.

                                                                                     P.M. Andrea Padalino Morichini

 

Egregio Onorevole, concludo sperando abbia letto i contenuti sopra citati e  augurandomi di ricevere Sue notizie riguardanti la possibilità di approvare in Parlamento la proposta di legge di iniziativa popolare: “Legge Sabato Salomonica”. Per rinverdire la nostra Giustizia.

                                                                                                                   Pietro Sabato