Roma, 27 Novembre 2012

DA: Pietro Sabato, Presidente Nazionale del Partito Italiano Nuova Generazione.

A: Presidenza Del Consiglio Prof, Senatore Mario Monti E Mail

A: ANSA

C.P.C. : Dott. Nicola Meloni, presso Camera di Commercio via DE Burrò A mezzo E Mail -  nicola.meloni@rm.camcom.it

Oggetto:Censimento ISTAT.

Finalmente era ora che si censissero dettagliatamente i Partiti Politici e le miriadi di associazioni ONLUS no Profit, sparse nel nostro Paese.

 

Egregio Presidente Prof. Mario Monti, finalmente questa notizia, appresa materialmente dal sottoscritto ieri mattina 26 Novembre 2012 alle ore 10,00 circa, quando il Dott. Nicola Meloni, incaricato della Camera di Commercio di via DE Burrò, 147 di Roma, mi ha fatto visita presso la mia abitazione di Via Cropani, 49 00118 Roma, residenza del sottoscritto, Sede del Partito e della Società omonima di Produzione Cinematografica, Editoria etc. etc. Saturday SRL, praticamente una sorta di casa e bottega. Il Dott. Meloni, mi ha lasciato un questionario da compilare e mi duole il fatto di non averlo fatto accomodare in casa, perché in quel momento il mio appartamento era in disordine, difatti ero intento a lavare i pavimenti con la ramazza. In ogni caso abbiamo risolto il tutto sull’uscio e dopo una esauriente spiegazione nel modo come compilare il questionario, il commiato. Ho sospeso le faccende domestiche, e seduta stante ho compilato il questionario e mi sono subito precipitato con la mia auto in Via DE Burrò, 147, dopo aver parcheggiato in un garage del centro e percorso un lungo tratto a piedi sono arrivato in via De Burro, alle ore 12,45, ma gli uffici erano chiusi per la pausa pranzo, ho dovuto quindi attendere l’apertura pomeridiana delle 13,30 ed alle ore 13,45 dopo aver consegnato il questionario ero di ritorno a casa. Oggi mentre scrivevo questa relazione esattamente alle ore 12,15 mi ha telefonato il Dott. Meloni, per chiarire alcuni punti descritti nel questionario, riferiti al fatto che non sono quantificati in cifre i denari che ho lapidato per questa mia iniziativa politica. Difatti non posseggo tante fatture e ricevute attestanti di tutte le effettive spese sostenute, però possono essere quantificate consultando il mio Sito Web: www.nuovagenerazioneroma.it dove sono elencati circa duemila articoli fra relazioni e petizioni rivolte agli Organi di Stato preposti, e varie Cause Penali attualmente in corso presso il CSM, dove ovviamente sono parte lesa. Quindi, segue la domanda: come posso quantificare in denaro il tempo impiegato per l’attività politica, a discapito della mia attività imprenditoriale? Il fatto sta, che ho lapidato il controvalore di due appartamenti, di cui uno di città, e l’altro in montagna del valore di 60.000,00 Euro.   

Concludo, Egregio Presidente, dopo questa entusiasmante ed esaustiva cronistoria, allego a questa mia relazione due passaggi distinti di due diverse relazioni, dove come di solito risulto essere sempre il primo a proporre queste indispensabili iniziative.

Cordiali Saluti

                                                                                                                   Pietro Sabato

Allegato riferito alla quarta pagina della relazione del 6 Febbraio 2012 titolata: Domanda: è lecito fare della beneficenza documentata?

Riflessione: ma Lei non è curiosa di sapere come vengono spesi i suoi soldi dati in beneficenza al Vaticano? Non sarebbe meglio mettere nero su bianco? Ebbene per fortuna non la pensiamo tutti nello Suo stesso modo, e poiché siamo ancora in Democrazia, secondo il mio modesto parere, come cittadino Italiano pretendo di sapere con molta trasparenza dove finiscono i miei soldi versati al Vaticano. Quindi riepilogando, trattandosi di denaro Italiano che affluisce nella casse di un altro Stato, non vedo, dove c’è la difficoltà a dimostrare con trasparenza documentabile, dove e come vengono spesi questi soldi. Invece se il Santo Padre rifiuterà questa nuova normativa  Italiana, sarà estromesso da codesta beneficenza, a mio giudizio, poiché ritenuta non trasparente. Chi mi dice che il Santo Padre con i miei sodi, a mia insaputa si comperi un set di scarpe di pelle pregiata di vacchetta, di colore rosso amaranto, ( conosco bene le pelli pregiate, sono figlio di Calzolaio rifinito, successivamente la buonanima per esigenza di mercato, retrocesso a ciabattino, ma con molto profitto) e conoscendo bene la storia, tramandata dal Vangelo, dove si racconta di nostro Signore Gesù, che attraversava i deserti con un solo otre di acqua e peraltro a piedi NUDI, e non a piedi nudi nel parco cosparso di morbida erba, come nel famoso film, ma nel deserto cocente? Ebbene tutto questo mi darebbe molto fastidio, conoscendo l’esigenze dei popoli diseredati della nostra madre terra.

Concludo Egregia Senatrice, sperando di averLa convinta che solo questo mezzo, quello di vivere personalmente e direttamente questa esperienza si sentirà sollevata a tal punto di sentirsi più giovane di vent’anni. Egregia Signora ho settant’anni, guardi nel video, quanto sono bello, ho ancora tutti i capelli neri e poche rughe in viso, mi metto anche di profilo, così come ha fatto recentemente il Dinosauro On. Gianfranco Fini, che fra poco leggerò di seguito la mia performance, il tutto perché non ho mai smesso nel mio piccolo di fare beneficenza, tutta documentata e spiattellata ai quattro venti. Or su, devolva dal Suo oneroso stipendio unitamente ai suoi colleghi Dinosauri, 1000,00 euro al mese, e ricordando la buonanima, facendo il totale avremo ottenuto una somma di 1.000.000,00 euro che tutti Voi Parlamentari, ogni mese durante un programma televisivo messo a disposizione dalla rete nazionale RAI, devolveste pubblicamente questa somma brevi mani, direttamente a gente veramente bisognosa, oppure ancora meglio, realizzare mini appartamenti per singoli soggetti diseredati senza tetto, evitando costruzioni collettive come grandi camerate con letti a castello, dove si viola il diritto inalienabile della privaci della persona umana. Il tutto è provato dal fatto che la maggior parte dei senza tetto preferisce dormire all’addiaccio su una panchina e magari stenderci le cuoia dal freddo, ma morire circondati da grandi spazi, ed isolati da tutti, anzi pernottare in locali angusti collettivi, dove affiorano odori sgradevoli. Realizzando queste opere acquisirete credibilità in futuro. Esempio: Se l’On. Francesco Rutelli, addirittura non si è accorto che dalla Cassa del Suo Partito sono spariti 13.000.000,00 di Euro, avrete sicuramente vita Breve come Politici nel vostro Paese.

Cordiali Saluti                                                                                         Lo Sputtanetor

                                                                                                                  Pietro Sabato

Il Secondo allegato è riferito alla relazione del 20 Settembre scorso.

Considerazione dello Scrivente: Aggiornamento del 20 Settembre 2012

Non penso che tutto questo si avveri, perché nel pomeriggio di ieri 19 Settembre dai telegiornali, si è appreso che gli Emeriti Onorevoli, dato il loro grado onorifico, non desiderano che i conti dei Partiti siano sottoposti ai controlli da parte della Magistratura, bensì da una società privata esterna specializzata in controlli di questo genere. Il sottoscritto aggiunge, che si tratta di una puerile Cavourria, cioè di illegalità che gli emeriti onorevoli vorrebbero gestire con società di comodo a proprio vantaggio. Invece secondo la mia modesta opinione, dovrebbe essere la Corte dei Conti a vigilare su questi fondi elettorali, cioè, da chi elargisce i tributi elettorali ai partiti. Cioè, se è lo Stato ad elargisce dei fondi, è a quest’Ultimo che bisognerà rendere conto e non ad una società privata, ripeto, di comodo, meglio dire: ammanicata. Egregi Onorevoli, la domanda sorge spontanea: per caso Voi tutti al mattino, fate colazione con pane e volpe? Quindi, credete che noi Italiani siamo degli stolti? Inoltre, data la vostra puerile trovata, il tutto sarebbe una grave offesa per l’intelligenza umana. Un consiglio: Cambiate fornitore*…

Invece come seconda opzione, che sarebbe attualmente vigente, è quella che questi finanziamenti elettorali dei partiti, continuassero ad essere sottoposti alla scherdon, (forma dialettale Putignanese) cioè di soppiatto, ai blitz della GUARDIA DI FINANZA. Non dimentichiamo che Il Corpo della Guardia di Finanza, è l’unica Istituzione dello Stato che secondo la Costituzione può intervenire in qualsiasi momento, per effettuare dei controlli, senza chiedere alcun permesso burocratico preventivo, da qualsivoglia alta carica della Magistratura e da parte della massima carica del Capo dello Stato. In Parole povere, lo ripeterò all’infinito, la Nostra Guardia di Finanza, per effettuare un controllo, prima parte in tromba, e poi riferisce al Capo dello Stato dell’accaduto, quindi è autonoma, non deve chiedere il permesso a nessuno per effettuare dei controlli di qualsiasi genere si tratti.

Concludo, Egregi Onorevoli, ricordatevi che siete servitori dello Stato, quindi soggetti a controlli, da parte del Padrone.

Prego rispettiamo la Costituzione, e – Che, C.                                                                                                                   

                                                                                                                   Pietro Sabato

Cambiate Fornitore*: modo di dire quando un drogato è sconnesso nel porgere un concetto, difatti lupus in fabula, dopo appena 5 giorni da questa relazione, esattamente il 25 settembre 2012, è stato arrestato per spaccio di droga, il Direttore dell’ufficio postale del Senato, una sorta di casa e bottega, inoltre dalle dichiarazioni di un esponente dell’IDV è emerso che il 10% dei Parlamentari assume cocaina.

Voce Narrante

Intanto, oltre allo scandalo Lusi, se ne aggiunge un altro, di seguito i contenti…

Ovviamente se siete interessati a consultare dall’inizio detti allegati, basterà collegarsi nel mio sito Web nelle date predette, oppure per i lettori di questo supplemento a ritroso nelle rispettive date.

 

Di nuovo Ossequi Signor Presidente

                                                                                                                                     Pietro Sabato